127. La pietra dell’infamia

Baiamonte Tiepolo discendeva da un nobile casato che aveva già dato a Venezia 2 dogi ed aveva un particolare ascendenza sul popolo tanto da essere chiamato “Gran Cavaliere”. A seguito della disastrosa guerra contro il Papato e relativa scomunica di Venezia, dell’esclusione di tanti cittadini dal governo e delle azioni di giustizia arbitraria condotte contro gli oppositori, assieme ad altre famiglie patrizie, Baiamonte fu il principale protagonista di un tentativo di colpo di stato contro il doge Pietro Gradenigo la sera del 15 giugno 1310. Ma le cose non andarono come previsto ed i rivoltosi vennero catturati e giustiziati con l’accusa di alto tradimento. Baiamonte che era riuscito a scappare, fu esiliato a vita e mori nei suoi possedimenti in Croazia non senza avere tentato più volte di ritornare nella sua Venezia. Come monito, la sua casa in Campo Sant’Agostin fu rasa al suolo ed a perenne ricordo al suo posto venne eretta una Colonna dell’Infamia. Fino alla caduta della Repubblica di Venezia fu proibito costruire in quel posto. Oggi, collocata a terra e non facile da trovare, rimane una pietra incisa con la seguente scritta:

LOC. COL.
BAI. THE.
MCCCX

col significato di “Qui era localizzata la colonna di Baiamonte Tiepolo anno 1310”

Immediatamente dopo quella che venne chiamata la “Congiura del Tiepolo”, fu costituito il temibile “Consiglio dei Dieci” che aveva poteri speciali per indagare e reprimere, niente poco di meno di un KGB veneziano, rimasto operativo fino al 1797, anno della caduta della Repubblica di Venezia.

la Congiura del Tiepolo secondo il pittore veneziano Gabriele Bella (1760 circa)
la più famosa è quella di Milano del saggio storico “La Storia della Colonna Infame” utilizzata dal Manzoni come appendice de “I promessi sposi”

Sestiere di San Polo 2304B
A terra dell’edificio a destra che fa angolo guardando Calle de la Chiesa da Campo Sant’Agostin
Geolocalizzazione: 45.438616, 12.328501

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: