72 . La pietra d’inciampo per 21

Purtroppo anche Venezia fu colpita dalla vergogna delle leggi razziali e a farne le spese furono soprattutto gli ebrei. Tra il 1943 e il 1944, 246 ebrei vennero catturati e deportati nei campi di concentramento e sterminio e solamente 8 di loro sopravvissero.
Il 16 dicembre 1992, l’artista tedesco Gunter Demnig (classe 1947) inizia a incastonare davanti all’ultima abitazione delle vittime del nazismo, dei blocchi in pietra di circa 10 cm di lato, ricoperti da una piastra di ottone. Sopra, impressa nella lingua del posto, la scritta “qui abitava” seguita da nome, data di nascita e destino della vittima. Dalla Germania, l’iniziativa si estende a tutti i paesi europei. Il 28 gennaio 2010 le prime pietre d’inciampo sono collocate in Italia, a Roma. Il 12 gennaio 2014 arrivano anche a Venezia che oggi ne conta 105, delle quali 96 di deportati razziali, 5 di deportati politici, 1 di internato militare e 3 collettive: Ospedale Psichiatrico San Servolo, Ospedale Civile e Casa Israelitica di Riposo. Quest’ultima risulta essere l’abitazione col maggior numero di deportati: 21 persone furono barbaramente prelevate e nessuna fece più ritorno. La relativa pietra d’inciampo cosi recita:

17 AGOSTO 1944
DA QUESTA CASA
FURONO DEPORTATI
21 ANZIANI OSPITI
ASSASSINATI NEI
LAGER NAZISTI

Per non dimenticare, mai…

attualmente sono 6 le pietre d’inciampo davanti alla Casa Israelitica di Riposo

Sestiere di Cannaregio 2874
davanti all’ingresso della Casa Israelitica di Riposo in campo de Ghetto Nuovo
Geolocalizzazione: 45.445593, 12.326780

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: